Gentile Visitatore,

il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico , cookie analitici e cookie di profilazione terze parti.
E’ possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l’utilizzo dei cookies secondo le Sue preferenze accedendo alla presente informativa.
Proseguendo la navigazione e cliccando con il mouse in qualsiasi punto dello schermo esterno al presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina “gestione dei cookies”.
 
 

Dal 1892

Tra passato e presente.

"Bisogna prima perdere la patria per sentirla veramente propria.”
1892

Figlio di un pittore e scultore...

Luis Trenker nasce a Ortisei, in Val Gardena. Profondamente influenzato dalla complessa cultura di quest’area, non parla solamente il dialetto altoatesino, ma anche il ladino, un dialetto retoromanzo molto antico, parlato solo in poche regioni dell’Italia settentrionale.
 
1912

Frequenta la scuola media di Innsbruck...

dove studia l’italiano come lingua straniera. Già allora Luis Trenker lavorava nel tempo libero come guida alpina e sciistica ed era molto legato alle montagne altoatesine.
 
1914

Durante la prima guerra mondiale...

combatte per il regno austro-ungarico sul fronte in Galizia

1915: Nella guerra di montagna viene impiegato nelle Dolomiti come guida alpina contro l’esercito italiano.

1918: Essendosi contraddistinto, alla fine della guerra Luis Trenker viene promosso al grado di tenente.
 
1921

Primi contatti...

con il mondo del cinema. Arnold Fanck ingaggia Trenker per il film “Berg des Schicksals” [La montagna del destino], inizialmente solo come guida alpina. Poiché l’attore protagonista non pratica l’arrampicata, Trenker giunge ben presto al suo debutto come attore.
 
1924

Fine degli studi in architettura a Graz...

inaugurazione di uno studio di progettazione a Bolzano insieme a Clemens Holzmeister, divenuto poi noto a livello mondiale. Contestualmente al lavoro continua a praticare sport, partecipando nel 1924 ai giochi olimpici invernali nella squadra italiana di bob.

1927: Una nuova legge in Italia prevede il riconoscimento esclusivo dei titoli di studio italiani. Per Luis Trenker è sempre più difficile dedicarsi al suo lavoro di architetto e, di conseguenza, decide di concentrarsi sul cinema.
 
1928

Debutto come regista...

con il film muto “Kampf ums Matterhorn” [La grande conquista].

1934: “Il figliuol prodigo” mette Trenker al centro dell’attenzione internazionale. Con scene girate di nascosto per le strade di New York, questo film esercita una grande influenza su famosi registi del neorealismo, tra cui alcune leggende come Luchino Visconti, Roberto Rossellini e Vittorio de Sica.

“Così solo e piccolo di fronte a questa immensa città ho pensato: devo girarci un film”. (Luis Trenker)

Vai alla Moviebox
 
1936

Sfonda a Hollywood...

con il film “L’imperatore della California”, che consapevolmente rappresenta i deserti occidentali in toni spettacolari e minacciosi. Il film è considerato ancora oggi uno dei migliori western europei di tutti i tempi.
 
1938

Il maggior successo...

cinematografico di Luis Trenker, come regista e protagonista, arriva con il film “La grande conquista” sulla prima scalata al Cervino.

“Il film di Trenker va oltre la mera prestazione della scalata: diviene simbolo del contrasto tra uomo e natura” (Heyne Filmlexikon,1996)

“Il Cervino è per la Svizzera quello che per noi è il Sassolungo: è solo un po’ più mite, bello e gotico direi.” (Luis Trenker)
 
1950

“Barriera a Settentrione”...

il film che segna il debutto di Marianne Hold nel mondo del cinema e un’altra opera magistrale di Trenker. Al film segue un libro, pubblicato nel 1951, con cui Trenker festeggia un grande successo anche come scrittore.

1955: “Il prigioniero della montagna”, un film che presenta scenografia e attori spettacolari e straordinari.

Zur Filmbox
 
1959

La radio bavarese...

trasmette la leggendaria serie “Luis Trenker racconta”, in cui Trenker narra storie avvincenti della sua vita, che entusiasmano soprattutto i giovani.

1965: Luis Trenker gira vari documentari sui paesaggi altoatesini e sulle loro particolari in flora e fauna per la televisione.

1974: Trenker è membro fondatore della sezione bavarese dell’associazione “Freien Deutschen Autorenverbandes” [Autori tedeschi liberi], di cui poi diverrà presidente.
 
1990

Muore a Bolzano...

all’età di 97 anni e viene inumato a Ortisei, in Val Gardena, nella tomba di famiglia. Il Comune di Ortisei gli dedica la Passeggiata Luis Trenker.

“Se i nomi dei grandi attori (…) vengono dimenticati, non c’è tuttavia nessuno che abbia visto uno dei suoi film o che abbia letto delle sue montagne, e che non lo conosca.” (Carl Zuckmayer su Luis Trenker)
 
1995

I fratelli altoatesini...

Michi e Hansjörg Klemera fondano a Bolzano il marchio di moda LUIS TRENKER, in collaborazione con l’azienda bavarese Meindl.

2000: I fratelli Klemera concludono la loro collaborazione con Meindl; Michi Klemera diviene unico responsabile di Luis Trenker. Da questo momento, il marchio cresce costantemente e gode di una popolarità sempre maggiore.
 
2003

Apre a Monaco...

il primo negozio Luis Trenker, LUIS TRENKER & FRIENDS.

2004: Ursula Grubelnik, titolare di “Trachten & Mode Peter” a Windischgarsten (Alta Austria), annette il LUIS TRENKER Store al negozio già esistente.
 
2005

Nell’ambito di “ispovision autunno 2005”...

Luis Trenker viene premiato come “Brand of the Year” e “Best Outfit Man”.

Luglio: Luis Trenker riceve nuovamente il riconoscimento di “Brand of the Year” e, per la prima volta, di “Best Outfit Woman”.
 
2006

Il marchio collabora...

con Land Rover, progettando un Defender dal look Luis Trenker.

In primavera vince 5 premi su 7 nell’ambito di “ispovision autunno 2006”: Brand of the Year, Designer of the Year, Best Outfit Woman, Best Footwear Woman, Best Footwear Man.

Autunno: nell’ambito della collezione invernale, Luis Trenker presenta una propria proposta per la stagione sciistica.

Inverno: il marchio veste la squadra brasiliana ai giochi olimpici invernali di Torino e quella tedesca alle paraolimpiadi.
 
2007

Inaugurazione del Luis Trenker Store...

a Zugo, in Svizzera. Apre lo showroom a Salisburgo. Prosegue la collaborazione con Land Rover: viene presentata una Range Rover Sport con il tipico look Luis Trenker.

2008: Andrea Arnold e Bernd Grötzinger realizzano il sogno di aprire il proprio punto vendita LUIS TRENKER a Kitzbühel. Inaugurazione di uno “Shop in Shop” presso il negozio Oberrauch Zitt a Bolzano e Vandoies (Alto Adige).
 
2009

La collezione bambino debutta...

nel corso di una sfilata di moda a Ortisei, il Comune di nascita di Luis Trenker. Michi Klemera presenta gli orsetti firmati Luis Trenker, il cui ricavato viene devoluto all’associazione “Medici senza frontiere Alto Adige”.

Con la pagina Facebook “Original Luis World”, il marchio approda anche sui social network.

Il progetto del marchio Luis Trenker “Suite per hotel”, sviluppato in collaborazione con l’azienda di arredamento alberghiero Otremodo, e l’edizione speciale di cabine a infrarossi vengono presentati a settembre durante la Luis Trenker Style Night di Bolzano.

Nel mese di ottobre, insieme all’associazione “Medici dell’Alto Adige per il Terzo Mondo”, viene aperto a Wolisso (Etiopia) il centro salute Luis Trenker per la cura dei bambini e degli adulti bisognosi.

A dicembre apre a Leogang (Salisburgo) il villaggio chalet Priesteregg con la prima “Suite Luis Trenker” a livello mondiale.
 
2010

Debutta il primo negozio...

online. A dicembre vengono inaugurati il nono “Shop in Shop” presso Sport Mitterer a Leogang (Salisburgo) e il primo Chalet Luis Trenker a St. Anton am Arlberg che, nonostante lo spazio limitato, presenta il marchio in modo sorprendente. Nell’hotel in stile alpino Kronthaler, sul lago Achensee, viene realizzata un’altra suite.

2011: Nell’Hotel zum Rosenbaum a Nalles nasce la quarta suite Luis Trenker.

Aprile: a Keitum viene inaugurato uno Shop Luis Trenker che porta lo stile di vita alpino sull’isola di Sylt! A Monaco, il grande magazzino Oberpollinger apre un altro “Shop in Shop”.
 
2012

L’azienda si trasferisce...

…nella torre nord della nuova sede principale della Salewa a Bolzano.

Inaugurazione della quinta suite Luis Trenker nell’hotel a quattro stelle superior “Alpin Juwel”, a Saalbach Hinterglemm, nel Salisburghese.

Per un photoshooting del tutto particolare, Luis Trenker organizza la sfilata di moda “più in quota” del mondo: sulla cima dell’Ortles, quasi a 4000 metri.
 
2013

A febbraio, in occasione dell’ISPO Vision...

di Monaco, viene presentata per la prima volta “BERG”, la nuova linea outdoor di Luis Trenker.

In seguito alla collaborazione con Land Rover, all’ISPO di Monaco viene lanciata la Range Rover Sport Fashion Edition, un’edizione speciale nello stile inconfondibile Luis Trenker.

Dicembre: inaugurazione del 6° negozio Luis Trenker a Davos, in Svizzera.
 
2014

Il marchio lancia...

la linea di cosmesi per hotel mirata alla cura del corpo, offerta in hotel selezionati. Apertura di un “hotel shop” a Fiss, nel Tirolo.

2015: Grazie a uno stand di due piani che ricorda un antico negozio sportivo alpino e alla rivista dal look nostalgico “Trenkers Mode & Sport Revue”, LUIS TREKER attira molta attenzione all’ISPO di Monaco.

Approda online il nuovo sito internet con un look tutto nuovo e nuove funzionalità.