Gentile Visitatore,

il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico , cookie analitici e cookie di profilazione terze parti.
E’ possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l’utilizzo dei cookies secondo le Sue preferenze accedendo alla presente informativa.
Proseguendo la navigazione e cliccando con il mouse in qualsiasi punto dello schermo esterno al presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina “gestione dei cookies”.
 
 

Luis Trenker è presente nel mondo del Hotel Tirler

Nella sua newsletter, Michi Klemera, proprietario del brand della moda Luis Trenker, scrive:
Sono sempre di più i clienti che scelgono la nostra griffe “Luis Trenker”. Questa settimana ci è arrivata una foto con un commento da parte di due dei nostri clienti più fedeli, Hannes e Sandra Rabanser dell’Hotel Tirler sull’Alpe di Siusi:
Luis Trenker: alpinista, attore, regista e scrittore nacque a Ortisei in Val Gardena/Alto Adige nel 1892 concludendo, quasi centenario nel 1990, una vita artistica molto fruttuosa.

Che Trenker sia stato e sia tuttora una pietra miliare nella storia dell’alpinismo è assodato, come dimostra anche il recente film su di lui intitolato “Der schmale Grat der Wahrheit” con Tobias Moretti nei panni del protagonista. Ovviamente le opinioni contrarie vanno rispettate ma ciò che dovremmo tener presente è che oggi, a distanza di 80 anni, non possiamo confrontare le strutture sociali di quell’epoca e i loro effetti con la situazione odierna. La storia ci insegna che tra ieri e oggi, le opinioni su ciò che è bene e ciò che è male si sono spesso scambiate. A tal proposito ricordiamo le famose parole della Bibbia: “Chi è senza peccato scagli la prima pietra!” E a prescindere da ciò, Luis Trenker fu un uomo pieno di energia capace di raccontare al mondo intero, attraverso i suoi film, la vita nelle montagne. Il luogo che amava di più erano sicuramente l’Alpe di Siusi e le vicine Dolomiti.
 
È qui che girò tra gli altri il film “Il figliol prodigo”, premiato alla Biennale di Venezia nel 1935. Scenario principale fu la località Saltria attorno al rifugio Tirler. Va da sé che la famiglia Rabanser, proprietaria e gestrice del pluripremiato rifugio, sia tra gli ammiratori più fedeli di Luis Trenker. Testimone di tale ammirazione è il monumento eretto proprio accanto al rifugio grazie al quale molti ospiti e avventori scoprono questo carismatico personaggio e le sue imprese di alpinista per l’Alpe di Siusi, patrimonio naturale UNESCO. E la famiglia Rabanser mantiene più che vivo il ricordo di Luis Trenker. Appena il marchio di moda “Luis Trenker” venne lanciato sul mercato, la famiglia lo scelse per vestire il proprio personale. Nel rifugio non può mancare un’accogliente stube dedicata al grande alpinista e anche un’intera ala dell’hotel gli è stata intitolata e decorata con pittoreschi accessori come ad esempio le suggestive immagini del carismatico personaggio. Non si tratta di cattivo gusto ma di una documentazione autentica. Un entusiasmo capace di contagiare anche gli ospiti che quasi sempre portano a casa con sé un bel ricordo dell’incontro postumo con il “re delle Dolomiti”. Molti si animano di quella stessa passione e scoprono la montagna dal suo lato più bello. E infine, sono sempre di più i fan che scelgono gli inconfondibili prodotti griffati “Luis Trenker”.

A volte sembra quasi che, nascosto da qualche parte, Luis osservi ciò che succede al rifugio Tirler e al 4* superior Dolomites Living Hotel Tirler, con il suo caratteristico sorriso, il cappello di feltro sui riccioli grigi e la pipa nella mano ossuta. Ci piace pensare che commenterebbe con un semplice: “Viva la montagna!”

Ulteriori informazioni sul rifugio Tirler su www.hotel-tirler.com
 
 

Altre storie